giovedì 29 gennaio 2009

Google ti misura la velocità delle connessioni Internet

Google ha presentato sul suo blog ufficiale alcuni strumenti per misurare la velocità delle connessioni Internet : measurementlab

Qui sotto l'elenco dei tools disponibili che però al momento non funzionano, credo per eccesso di traffico.

entanglement quantistico

Uno dei misteri più affascinanti della scienza moderna, qui spiegato in un breve cartone animato.




via Wired

Gmail off-line adesso c'è

Qualche giorno fa se ne è parlato.
Ora la funzione per lavorare con Gmail anche off-line è finalmente disponibile.

mercoledì 28 gennaio 2009

antivirus online

Ogni tanto può essere prudente fare una scansione del proprio Pc anche con un antivirus alternativo a quello utilizzato ordinariamente.
Un modo abbastanza pratico è quello di utilizzare un servizio on-line.
Nel recente passato ho provato Freescan di McAfee (solo per MS-Explorer) e House Call di Trend Micro ma con entrambe ho avuto più di un grattacapo (lentezza estrema, blocchi del browser).

Sta sera ho provato Panda Activescan e finalmente tutto è filato liscio.

il WiMax di Aria e la minaccia alla telefonia mobile

Comincia dal centro Italia e dovrebbe poi espandersi a tutto il territorio nazionale.
E' l'offerta di Aria, l'operatore di connettività Wimax, unico ad aver acquisito le licenze per tutto il territorio nazionale.

A partire dal 2 febbraio inizierà la commercializzazione.

Stando alle proposte del sito con 15€\mese si ha una connettività di 4MB\s modem incluso, con 20€\mese si arriva a 7MB\s.

Vedendo queste offerte mi viene spontanea una riflessione.

Con una connessione di questo tipo posso già da ora avere di fatto un accesso molto economico, oltre che ad internet, anche al voip tramite servizi come ad esempio di Skype.

Quindi potrò cioè telefonare da qualunque posto io mi trovi (ad es. a tutti gli utenti Skype), senza altro costo che il mio canone di 15€/mese.

Premesso che al momento gli apparati disponibili per questa tecnologia sono ancora limitati e che sarà da vedere quanta diffusione avrà in futuro sul territorio nazionale, è però inevitabile farsi venire il dubbio di quale sviluppo potenziale questa proposta potrebbe avere proprio come concorrente nel mercato della fonia.

O quanto meno speriamo sia utile a far scendere i prezzi degli operatori UMTS.

Gmail sarà anche off-line

Google ha comunicato sul Blog di Gmail che a brevissimo renderà disponibile il suo servizio di posta elettronica in modalità anche off-line tramite i suoi Google Gear.

Il servizio sarà inizialmente pubblicato solo tramite le funzionalità "Labs" che sono disponibili in sola lingua inglese (se si vuole provare basta impostare opportunamente il setting della lingua sul proprio account).
Al momento in cui scrivo però la nuova funzione non si vede ancora.

Qui sotto un breve filmato che spiega il tutto.

martedì 27 gennaio 2009

simulatori per studiare la fisica

Ho trovato un sito ricco di programmini per lo studio di fisica e matematica:
http://www.falstad.com/


Mi è piaciuto particolarmente l'applet per lo studio dei circuiti che trovate a questa pagina:
http://www.falstad.com/circuit/

un video sulla storia di internet

se l'universo è fatto solo di informazioni


Niels Bohr, uno dei padri della teoria, sosteneva che chi non è preso da un senso di vertigine dopo aver studiato la meccanica quantistica non l'ha davvero capita.
I computer quantistici sfruttano proprio la "stranezza" della teoria per affrontare compiti troppo complessi per i computer classici.

...avere una macchina che fa una certa cosa è spesso la molla che ci spinge a comprendere una certa legge: la ruota e la trottola vengono prima della conservazione del momento angolare, la catapulta prima delle leggi di Galileo, il prisma ottico e il telescopio prima dell'ottica newtoniana, la macchina a vapore prima delle leggi della termodinamica enunciate da Sadi Carnot.

Seth Lloyd ha prodotto studi fondamentali per la costruzione del primo computer quantistico ed è autore di un libro molto interessante : Il programma dell'Universo.

confermato il metano su Marte

La Nasa ha confermato la presenza di metano su Marte.
La prima scoperta risale al 2003, ma ora sono state individuate anche le aree da cui si innalzerebbero i pennacchi del gas.

Le molecole di metano nell'atmosfera marziana hanno vita breve, quindi la persistenza di una certa quantità di sostanza vuol dire che ci deve essere una fonte che lo emette costantemente.
E tra le fonti probabili potrebbero esserci alcune forme di vita, come avviene sulla Terra.
Anche se non sono da escludere sorgenti di natura geologica.

via The Guardian.

pianificare e gestire le attività sul web 2.0

Qualche settimana fa Gmail ha introdotto la funzionalità di gestione dei tasks.
Ovvero la possibilità di gestire attività integrate con i messaggi di posta elettronica.
Le funzioni però sono accessibili solo se si imposta la lingua inglese nel proprio account.


Ho cercato qualche alternativa in rete e l'unica gratuita (in parte) che ho trovato è questo Hitask, che in realtà non mi ha soddisfatto moltissimo, ma comunque garantisce tutte le funzionalità essenziali per gestire un minimo di promemoria on-line.
Ha una sua versione ottimizzata per palmari raggiungibile all'indirizzo http://m.hitask.com/.

lunedì 26 gennaio 2009

definire il Cloud Computing

21 esperti provano a dare una definizione di Cloud Computing, su Cloud Computing Journal.

venerdì 23 gennaio 2009

una alternativa a Google Notebook

Google Notebook è uno tra i progetti che Google ha deciso di non mandare più avanti.
Chi lo utilizzava può trovare un'ottima alternativa in Zoho notebook.
C'è tutto ciò che offriva Google e anche qualcosina in più.
Si trova anche il plug-in per Firefox (consiglio la versione 1.0b2 anche se è una beta) e c'è un tool per importare le vecchie note da Google.
Naturalmente è gratuito.

mercoledì 21 gennaio 2009

Gdrive si avvicina ?

Qualcosa sembra essere trapelato per un refuso rilasciato su Picasa nella versione per Mac.
Nella funzione "Move Collection" compare infatti un'opzione con una etichetta sospetta, "Google Web Drive", che lascerebbe supporre da parte di Google l'attivazione in un prossimo futuro di un qualche servizio di Backup-online.

Sono più di due anni che se ne aprla sarà la volta buona ?

via blogoscoped.com

martedì 20 gennaio 2009

good enough computing

La legge di Moore fino a qualche tempo fa era valida anche per l'aspetto economico dei prodotti informatici.
Ogni 18 mesi raddoppia la potenza dei processori, quindi a parità di costo il consumatore compera un prodotto molto più potente rispetto al passato.
Negli ultimi mesi questa tendenza si sta modificando.
Gli utenti non cercano più il massimo della potenza disponibile, si rivolgono a prodotti che sono potenti come quelli di prima ma che in cambio costano molto meno.
Le vendite dei Netbook, pc a basso costo per navigare sul web (es. Asus EeePC), sono schizzate dalle 182.000 unità del 2007 agli 11 milioni del 2008.
Anche nel software Microsoft ha segnato un cambio di rotta epocale con il nuovo Windows 7.
Per la prima volta un suo sistema operativo ha minori esigenze di hardware rispetto alla precedente versione.

un ERP sul 2.0

In italiano per ora non c'è.
NetSuite è un ERP sul web 2.0.

lunedì 19 gennaio 2009

Google propone Knol per diffondere la conoscenza

Google ha aperto Knol a tutti.

Knol è uno strumento che negli intenti di Google dovrebbe aiutare a condividere e diffondere la conoscenza.
Un knol è un articolo autorevole su un argomento specifico come cita il titolo all'ingresso del portale.
Quasi un tentativo di alternativa a Wikipedia, ma con l'aggiunta degli AdSense a portare un portare un pizzico di business in più.

Qui un esempio di articolo autorevole sui Concetti base in IT.

Google App Engine SDK - aggiornamento

Powered by Google App Engine
Google App Engine SDK è arrivato alla versione 1.1.8

il software che predice se il film avrà successo

A Hollywood utilizzano particolari software di Business Intelligence per prevedere quanto un film incasserà.
Uno di questi programmi, prodotto da epagogix, previde un flop colossale per il film "Lucky You" che aveva nel cast vari attori famosi tra cui Drew Barrymore, pronosticando un incasso di appena 7 milioni.
Il film era costato 50 milioni di dollari ed ai botteghini ne incassò appena 6.


Da cio.com

Per approfondire un articolo su MIT Sloan Management Review
(è free ma occorre registrarsi).

definizioni

"Vista That Works", un Windows Vista che funziona, così è stato definito il nuovo Windows 7 da Technology Review.
(già Steve Ballmer aveva detto qualcosa di simile).

venerdì 16 gennaio 2009

5 GB di spazio online da Microsoft

Microsoft ha rilasciato un aggiornamento per Live Mesh il suo servizio free di storage on-line.
L'update odierno permette finalmente di lavorare anche su Pc che utilizzino impostazioni di lingua diverse da quelle USA.

Nel complesso il servizio è rimasto uguale a prima.
5 GB gratuiti di spazio disco on-line, raggiunbile facilmente da PC (prossimamente da altri device) ed il tutto completamente sincronizzato.

Ovvero io copio nella mia apposita cartella locale i files che voglio salvare e Mesh si occupra lui di replicarli on-line e su tutte le altre machine che ho iscritto al servizio.

Davvero molto ben fatto.

vita nell'universo

Wired ha classificato i primi cinque posti del nostro sistema solare in cui può essere più probabile, stando alle conoscenze attuali, trovare la vita.

Il miglior candidato è Encelado una luna di Saturno.

se vivi ogni giorno come fosse l'ultimo prima o poi avrai ragione

Death is very likely the single best invention of Life.
It is Life's change agent.
It clears out the old to make way for the new.
Right now the new is you, but someday not too long from now, you will gradually become the old and be cleared away.
Sorry to be so dramatic, but it is quite true.

Steve Jobs
Da un suo discorso del 2005 alla Stanford University

via www.thetechherald.com

dal supercomputer al desktop

Un gruppo di ricercatori dell'Università di Davis in California e del Lawrence Livermore National Laboratory ha annunciato di aver sviluppato un software che permette l'analisi e la visualizzazione di enormi quantità di dati senza l'aiuto di un supercomputer.
Basta un desktop con 2 GB di RAM.

Lo strumento matematico che ha permesso la realizzazione di questo software è il Morse-Smale Complex.

Qui per saperne di più : http://vgtc.org/wpmu/vis08/2008/10/30/a-practical-approach-to-morse-smale-complex-computation-scalability-and-generality/

giovedì 15 gennaio 2009

windows 7 il giorno dopo

Mi ha pienamente convinto.
Dopo qualche giorno di lavoro sulla beta di Windows 7 sono rimasto davvero molto ben impressionato da questo nuovo sistema operativo.

Stabile, con prestazioni migliori rispetto al suo predecessore, con larga compatibilità dei molti programmi ho testato (nella versione a 32 bit).

Come ha affermato Steve Ballmer in una intervista di qualche tempo fa : "[Windows 7], it's Windows Vista, a lot better".


Ho trovato davvero pratiche e gradevoli le icone sulla taskbar che permettono di vedere tutte le sessioni aperte da un singolo programma.

I tempi di installazione poi sono stati decisamente più brevi rispetto a Vista.
Funziona anche GoogleDesktop e OpenOffice mi pare molto più veloce di prima in apertura.

Sarà poi una banalità ma è la prima versione di windows in cui non sento il bisogno di impostare il menu del tasto di Start sulla visualizzazione classica.
E meno male, perchè non sono riuscito a capire dove hanno messo il flag !

segnalibri per il web

Foxmarks era all'inizio un semplice add-on per FireFox, utilissimo per gestire i bookmarks dei siti preferiti su diversi PC.

Lo si scarica, ci si registra e lui aggiorna tutti i bookmarks, preoccupandosi poi di tenerli aggiornati su tutti i Pc da cui ci si collega.
Ora è anche su Explorer e su Safari ed è stato attivato un servizio di accesso diretto ai propri link tramire il sito my.foxmarks.com.

Il servizio è free.

iCloud

Ho provato iCloud uno dei tanti DeskTop virtuali che stanno fiorendo nella nuvola.
Il servizio è free, ma è in Beta ed ha ancora qualche limite.
Le applicazioni del desktop non sono performanti e spesso si bloccano.
Gli strumenti per l'office presenti non mi hanno convinto più di tanto.
Funziona solo con IExplorer.

la ricerca sorge a est


Nel mondo si investono complessivamente quasi 1.000 miliardi di dollari all'anno in ricerca e sviluppo.
Un terzo della spesa è prodotta da aziende USA, ma qualcosa all'orizzonte sta cambiando radicalmente. L'Asia sta per prendere il sopravvento. Europa e Stati Uniti hanno incrementato gli investimenti del 1-2% annuo, la Cina del 23% !

La Sud-Koreana Samsung nel 2007 ha speso più di IBM.

Questi sono alcuni dei motivi per cui il tanto blasonato iPhone di Apple è in realtà costruito quasi interamente in Asia.

The components are almost entirely Asian: the screen is mostly from Japan, the flash memory from South Korea, and it was assembled in China. Apple’s contribution is the design and software—and, importantly, integrating the innovations of others.

Fonte The Economist.

378 miliardi di dollari

E' il colossale fatturato di Wal-Mart azienda che guida la classifica di Fortune 500.
Il settore IT è capeggiato da IBM con 98 miliardi.

Google con i suoi 16,5 miliardi di dollari fatturati nel 2007 non è neppure in classifica.

HyperOffice

Ho provato HyperOffice un sito che offre tools web 2.0 per l'ufficio.

Fa tante cose, forse troppe per poterle provare tutte nei soli 30 giorni di prova gratuita.

mercoledì 14 gennaio 2009

100 esempi di cloud computing

Cloud Computing Journal presenta 100 esempi di aziende che pensano alla nuvola.

Intanto è già significativo scoprire che c'è una rivista dedica al Cloud Computing.

investimenti verdi

I Venture capitalists hanno investito in tecnologie verdi quasi 8,4 miliardi di dollari nel 2008 in Nord America, Europa, Cina e India.

La caduta del prezzo del petrolio sta però mettendo a rischio l'elevato tasso di crescita che questo tipo di investimenti ha visto negli ultimi anni.

Historical Clean Technology VC Investment By Year
North America, Europe & Israel, China, India
2001 $506,780,774
2002 $883,269,409
2003 $1,258,565,762
2004 $1,398,256,823
2005 $2,077,524,074
2006 $4,520,208,949
2007 $6,087,179,844
2008 (preliminary) $8,414,259,610
Source: Cleantech Group (cleantech.com)


via Wired.

un blog sulla storia di Python

Guido van Rossum ha aperto un nuovo blog "The History of Python" sulla storia di Python, linguaggio di programmazione di cui è il creatore.
Van Rossum è dal 2005 in forza a Google.

Un paio di sue "massime":

- Don’t fight the environment and go with the flow.
- Don’t try for perfection because “good enough” is often just that.

Google App per il mercato business

Google si prepara a commercializzare in grande stile i suoi servizi di Applications.
Secondo quanto riporta eweek dovrebbe partire a marzo una campagna promozionale rivolta a potenziali partner che potranno rivendere le "ai clienti business, ovvero Gmail, Google Site, Google Docs entreranno più facilmente nelle aziende.

sarà un insuccesso

"queste cose non potranno mai prendere piede..."

Testuale affermazione dell'amministratore delegato (non posso scrivere di quale azienda) dopo il suo primo litigioso approccio con Microsoft-Word.

L'episodio è avvenuto ieri.

martedì 13 gennaio 2009

previsioni tecnologiche e catastrofi irrealizzate


Nell'era del digitale, parlando dell'introduzione di nuove tecnologie, spesso si sono sentite previsioni di conseguenze più meno catastrofiche per questo o quell'ambito.
Il dibattito sull'attuale tendenza che vede diminuire le vendite dei giornali nelle loro versioni di carta sta riaccendendo il desiderio di previsioni e relativi catastrofismi.

Nell'immagine (tratta da un post su radar.oreilly.com) due precedenti illustri da cui trarre qualche spunto.
Gli autori degli articoli apparsi sul New York Times nel 1876 e 1877 prevedevano conseguenze tremende causate dall'introduzione di due nuove invenzioni : il telefono ed il grammofono.

Il primo addirittura avrebbe svuotato le sale da ballo e le chiese, il secondo poi avrebbe certamente eclissato il primo.


Tratto da "The Sky is Falling!"

lunedì 12 gennaio 2009

quanto consumano i datacenter di Google

La polemica scatenata dal fisico Alex Wissner-Gross in articolo di TimesOnline sui consumi dei datacenter ed in particolare sulla sua stima di quanto costerebbe in termini ambientali un click per una ricerca su Google ha prodotto varie reazioni in rete.

Per la cronaca l'accusa è di produrre gas serra per circa 7 grammi di CO2 equivalente ad ogni click sul motore di ricerca.

Google ha ribatturo addirittura sul suo blog ufficiale, chiarendo che le sue stime parlano di 0.2 grammi di CO2.

Di tutto questo polverone mi ha colpito il modo in cui la stampa generalista ha presentato la notizia : come se ad inquinare fossero le ricerche su Google e non i datacenter.
Microsoft e Yahoo avranno le marmitte catalitiche ?


Qui qualche interessante considerazione di Nicholas Carr in proposito.

un caso curioso

Il 7 gennaio scorso nei pressi di Conisholme in Inghilterra una turbina eolica di grandi dimensioni è stata seriamente danneggiata da un oggetto luminoso, che non ha poi lasciato traccia di sé.

Qui la notizia riportata da The SUN.

Qui sotto un filmato da msnbc.com

il primo post da window 7

Ho scaricato (2.44 GB) e installato la Beta di Windows 7.
Le prime prove sono tutto sommato positive.

L'installazione è stata davvero rapida (rispetto alle versioni precedenti di Windows) ed il sistema è tutto sommato abbastanza veloce e reattivo anche se l'hardware su cui l'ho piazzato non è proprio aggiornatissimo.

A parte l'iniziale consueto smarrimento che provo ogni volta che sono su di un sistema nuovo e le impostazioni sono ovviamente un po' cambiate rispetto alle mie abitudini, mi pare che sostanzialmente per l'utente medio non cambierà molto rispetto a Vista, anche se forse è ancora prematuro trarre conclusioni definitive.

Altra nota positiva, i programmi che finora ho provato (non molti in realtà) hanno tutti funzionato correttamente incluso l'antivirus AVAST.

Gmail e gli altri

I servizi di posta on-line sono in continua crescita, ma secondo un articolo del Financial Times, Gmail di Google è quello che sta crescendo più di tutti.

Yahoo e Microsoft hanno attualmente circa 250 milioni di utilizzatori ciascuno, Google solo 100 milioni.
Ma Gmail ha visto crescere del 40% il numero di nuovi utenti nell'ultimo anno mentre Yahoo solo del 2%. Microsoft addirittura in contro tendenza con un calo del 7%.

domenica 11 gennaio 2009

Google.org ci mostra i flussi del petrolio

Gli USA importano circa 10 milioni di barili di petrolio al giorno.
Google.org ha prodotto insieme a RMI, una organizzazione nonprofit che promuove un più efficiente utilizzo delle risorse energetiche, una mappa animata che ripercorre il flusso di petrolio verso gli Stati Uniti negli ultimi 30 anni : http://move.rmi.org/files/oilmap

La spesa per l'import di petrolio in USA è attualmente di circa 500 milioni di dollari al giorno.
A giugno 2008 aveva toccato il miliardo di dollari al giorno.


sabato 10 gennaio 2009

Window 7 si fa ancora aspettare

La beta di Windows 7 avrebbe dovuto essere disponibile per il download già ieri sera, ma purtroppo l'operazione è stata sospesa da Microsoft per l'eccessivo numero di collegamenti.

Come riporta il messaggio i volumi sono stati "fenomenali".


Aggiornamento delle 21.53 : finalmente sul sito c'è il link per il download !

tools per App Engine

Giorni fa è stata rilasciata la versione 1.1 di App Engine Site Creator un tools per creare pagine web sulle App di Google.

Di fatto è una applicazione in Python che per funzionare deve essere caricata su appspot.com oppure sul runtime in locale.

Lo strumento ha al momento solo funzionalità essenziali, ma può essere personalizzato.

Le pagine e la loro struttura sono salvate nelle tabelle del Datastore.
Questo comporta un limite per chi lavora in locale: una volta create sul datastore locale le pagine non possono essere esportate, ma vanno ricreate ex-novo, anche sul datastore di Appspot.com.

venerdì 9 gennaio 2009

popolo di automobilisti e scarsi navigatori (sul web)

L'Italia è la quarta nazione al mondo per numero di auto pro capite, circa 600 ogni 1.000 abitanti (dato 2005).

prima di provare windows 7

I sottoscrittori dei servizi MSDN possono in realtà già scaricare la versione beta di Windows 7 a questo indirizzo : https://technet.microsoft.com/en-us/subscriptions/securedownloads/default.aspx


Nei dettagli per il il download c'è una curiosa nota riguardante i files mp3, che riporto qui sotto e che mi induce qualche perplessità.


  • Windows 7 Beta (x86) - DVD (English)

Instructions and Resources

Update to Windows 7 Beta (KB961367)

To protect your MP3 files

1. Before you install this Beta release, back up all MP3 files that might be accessed by the computer, including those on removable media or network shares.
2. Install the Beta release of Windows 7; download and install the Update to Windows 7 Beta (KB961367) located on this page.

questa sera arriva Windows 7

Sul sito di Microsoft dedicato al nuovo sistema operativo scrivono che questa sera sarà disponibile per il download una versione beta di Windows 7.

giovedì 8 gennaio 2009

fatti giudicare per capire i tuoi pregi e difetti

L'Economist ne parla come lo strumento ideale per i manager della Net Generation.
Ovvero quella generazione di disciplinati ed esigenti utilizzatori di strumenti informatici che hanno il costante bisogno di sentirsi valutati nel lavoro che svolgono, come nei punteggi dei video-games.

Si chiama Rypple è un servizio sul web che permette di creare report per valutare il proprio operato interagendo con colleghi, consulenti e collaboratori.

Il servizio è ancora in beta.
Al momento anche registrandosi per provare la versione gratuita, non si può ancora accedere.

I benefici attesi dall'uso del prodotto sono allettanti (sembra la pubblicità di un tonico-antistress).

Benefits

  • Reduce anxiety at work
  • Know what you're great at
  • Discover what to improve
  • Advance your career

mercoledì 7 gennaio 2009

Sistemi informativi e management

Riporto sotto un paio di spunti tratti da "Management dei Sistemi informativi" di K. e J. Laudon."Si stima che almeno l'80% del contenuto aziendale di un'organizzazione sia non strutturato, ossia esista sotto forma di informazioni in cartelle, messaggi, promemoria, proposte, messaggi di posta elettronica, presentazioni con diapositive elettroniche...
In molti casi le imprese non hanno idea di quale contenuto non strutturato sia stato creato, di dove si trovi o di chi sia il responsabile."
(pag.517)


"Qualunque siano i loro obbiettivi, i nuovi sistemi informativi sono il risultato di una soluzione a un problema organizzativo.
Un nuovo sistema informativo è costruito come soluzione a un qualunque tipo di problema o insieme di problemi che l'azienda si trova ad affrontare. Il problema può consistere nella percezione dei dirigenti o dei dipendenti che l'azienda non sia efficiente quanto potrebbe, oppure che l'azienda dovrebbe trarre vantaggio da un nuovo business da svolgere in modo efficiente."
(pag.618)

In realtà all'interno aziende c'è una percezione alquanto diversa sui due argomenti sopra citati rispetto a quella riportata nel manuale: spesso vige l'errata convinzione di avere il controllo pieno delle informazioni interne.
E pochi manager accettano di riconoscere questa carenza.

Così come altrettanto spesso, quando si sceglie un nuovo sistema informativo, mai o quasi mai si ricerca la soluzione ad un problema ben definito e chiaramente individuato.
Sovente ci si affida ad nuovo prodotto software con l'auspicio di vedere guariti difetti interni che poco hanno di informatico e spesso invece hanno origine in carenze di tipo organizzativo e\o di altro genere.


P.S.
E così mi spiego ad esempio perché con il nuovo sistema di archiviazione ottica, che complessivamente ci è costato intorno ai 50.000€, alla fine poi alcuni settori hanno deciso che loro comunque la carta vogliono continuare a tenersela come prima.

lunedì 5 gennaio 2009

l'utilità dell'IT

..the great advantage of modern information technology
is not that it allows products and services to proliferate.

The real advantage is that it can help simplify processes.


dal libro “The Breakthrough Imperative”
di Mark Gottfredson and Steve Schaubert

citato da l'Economist

Android su EEEPC

Giorni fa mi è capitato di parlare del futuro di Android (il sistema di Google per i telefonini) che secondo alcuni osservatori sarebbe rivolto ai PC.

Bene, qualcuno si stà portando avanti: lo hanno già installato su di Asus EEEPC 1000H e da quanto scrivono pare anche che funzionino tutte le periferiche !

grafici sul web 2.0

Un tool online per produrre semplici ma colorati grafici.

sabato 3 gennaio 2009

la tendenza del Cloud Computing

Il 2009 dovrebbe essere l'anno in cui il Cloud Computing inizierà a far vedere qualcosa di più concreto, soprattutto sotto il profilo commerciale.
Questo almeno secondo alcuni osservatori.

Di certo c'è che di Cloud Computing se ne parla sempre di più.


Qui una guida per principianti (in inglese) da YouTube.

tools per la manutenzione del pc

Ccleaner ottimo programma per ripulire il pc da vecchie installazioni, da files temporanei e altro, è arrivato alla versione v2.15.815.

Dalla stessa famiglia adesso è disponibile anche un prodotto per il defrag, Defraggler anche questo free.

venerdì 2 gennaio 2009

una applicazione termoelettrica

Tempo fa mi aveva incuriosito un appunto che avevo letto riguardante l'effetto termo-elettrico, ovvero la possibilità di produrre energia elettrica utilizzando una fonte di calore.

In casa ho una stufa a legna e pensavo che sarebbe ideale associargli una ventola che non richieda corrente dall'impianto elettrico ma che la autoproduca utilizzando appunto il calore della fiamma.

Ho scoperto che qualcuno ci ha già pensato.
La Ecofan commercializza questi simpatici apparecchietti che vedete in foto (anche se non ho capito quanto costino).